giovedì 3 aprile 2008

Poesia per Berlusconi

Disclaimer: il seguente componimento poetico è redatto in romanesco, ma comprensibile (per qualsiasi passo non chiaro, chiedete traduzione).

Sirvio, me t'aricordo ancora
quanno scennesti'n campo
pe la prima vorta.
E mò ch'è già passato quarche anno,
che t'hanno messo fori de la porta,
te provi de tornà.
Ma ce lo sanno che voi solo arifatte n'artra sporta de quatrini?
Come prima.
E a danno de la gente che ancora nun s'è accorta che ce guadambi puro l'interessi,
che fai le leggi tutte fatte apposta pe fatte vince tutti li processi.
Quanno prometti de toje n'imposta,
pensanno che noi semo propio fessi,
ce l'arifili artrove: 'na supposta.

Fonte: rubrica DBlog, edizione del 2 aprile 2008, freepress DNews