lunedì 31 marzo 2008

Come una cosacca

Faceva freddo. Tirava vento di tramontana.
Cracovia era ancora lontana.

Veltrusconi - Come vede l'America le politiche italiane

Riporto qui il testo del famoso articolo pubblicato sul Newsweek che ha ribattezzato i nostri due principali contendenti 'Veltrusconi'.
Segnale evidente di come anche i media stranieri si rendano conto della somiglianza, e della facilità di assimilazione, di questi due uomini politici.
Leggete e tremate.




Taking Out the Trash
If Silvio Berlusconi and Walter Veltroni came together they just might be able to save Italy.

Barbie Nadeau, Jacopo Barigazzi and Christopher Dickey

NEWSWEEK
Updated: 1:21 PM ET Mar 29, 2008


Eating mozzarella cheese is becoming a test of patriotism in Italy. But not just any mozzarella. No, this has to be cheese made from the milk of water buffaloes raised in the region around Naples. The product is a prestige export and the industry is vital to the local economy, but after years in which mountains of garbage have piled high on Neapolitan streets and people have taken to dumping rotting refuse more or less anywhere they please, poisonous dioxins have started turning up in the buffalo milk. The levels are only fractionally above European norms. But the crisis is so symptomatic of what's gone wrong in Italy that it's become an issue in the current political campaign.

"When was the last time you ate buffalo mozzarella?" NEWSWEEK asked center-left candidate for prime minister Walter Veltroni on a dusty campaign bus rumbling through the Sicilian countryside last week. "A couple of days ago," said the mild-mannered former mayor of Rome. "I'm not afraid. Our world today is a world that embraces fear-and that is what scares me." His tone may be quiet, but after 30 years in politics he knows how to stay on message. His main rival, center-right former prime minister Silvio Berlusconi, has built his political career not least by playing on concerns among small-business owners and conservative Roman Catholics about the power of erstwhile communists like Veltroni in Italian politics. "Fear is something that is easy to sell," says Veltroni. "It is much easier to sell fear than hope. We are investing in hope."
Yet the greatest fear of each candidate may well be that he'll win-only to preside over yet another Italian government crippled by fractious political parties and shaky coalitions in the two houses of Parliament. Such a regime cannot even begin to save Italy from a mountain of economic and political woes. The economy is flat, verging on recession. Technically a member of the G8, a group of the world's most industrialized countries, Italy has had almost no growth for a decade and salaries, as a function of purchasing power, are half that of Britain. Its debt is so massive that every man, woman, child and newborn is being charged ¤1,200 a year for interest payments alone. And all signs point to the situation getting worse.
For that very reason, only a few months ago Veltroni and Berlusconi were moving toward each other like old heavyweight fighters asked to sit on the board of the same charity. A jab here, a feint there, and they were just about to get down to the first order of business: an electoral law that would take away the power of the splinter groups that have made and broken so many governments. The then Prime Minister Romano Prodi proved unable to prevent the collapse of his lackluster leftist government (which included 11 parties); new elections were called and Italy looked like it would go back to politics as usual. But that isn't what's happened-and in that fact lies some real hope for the future.

Veltroni refused to run in a coalition with the troublesome little parties of the extreme left. Berlusconi teamed up with some of his old allies, but made it absolutely clear it was all about him, not them. For the first time in modern Italian history, the election, to be held on April 13 and 14, presents the semblance of a real two-party contest. If the candidates are serious about solving Italy's problems, they'll leave the door wide open to the possibility of a "grand coalition" once the votes are counted-even if neither is quite ready to say yes to that proposal in public, although Veltroni strongly hints that he would. Berlusconi rejects the idea for the moment, but has joked that their policies on several issues are so close that Veltroni has been stealing from his platform.
The personalities don't mix well, that's for sure. Berlusconi, a former singer on cruise boats who became a billionaire by building an empire of privately owned television stations, is without question Italy's most entertaining politician. During his one full term as prime minister, from 2001 to 2006, Berlusconi's family not only kept control of his own empire, but he gained control of the powerful state broadcasting networks. He also has major interests in leading media outlets. Although the courts have pursued Berlusconi relentlessly on various charges of shady business dealings, he managed to beat the rap in every case. Now 71, he looks much younger, thanks to his undeniable personal energy and a few equally undeniable cosmetic touches, including the color and quantity of his hair.
Veltroni, at 52, would be the youngest prime minister ever elected in postwar Italy, but his look is gray with glasses, a little disheveled, shy and professorial. But Veltroni is no neophyte. His career in politics goes back 30 years, beginning as a young activist in the Italian Communist Party and developing into a full-blown apparatchik. After the collapse of the Soviet Union discredited the message, Veltroni saw centrism as the key to his political future. Compared with the previous leader of the left, the soporific Prodi, Veltroni appears animated even when he's understated. Like any shrewd politician he tries to turn his opponent's strengths against him. "For the past 15 years," he tells a crowd in the Sicilian town of Caltanissetta, "politicians have focused on TV and advertising as if these are the real issues in the country." But Veltroni is not above borrowing, quite blatantly, from the mediagenic campaign of a star in the United States. His slogan is pure Barack Obama: "Si può fare"-"Yes we can."

What would it take to turn "yes we can" into "Silvio and I can"? Conventional wisdom holds that if there were to be a grand coalition, it would come together mainly for electoral reform and then, in relatively short order, everyone would be back at the polls. Yet the basic agenda for Italy may be better addressed by keeping that coalition together. Much of what needs to be done is painful. A weak government can't make it work, and the country's two leading politicians could conclude they're better off taking joint responsibility rather than shouldering the blame for the pain alone. Perhaps most crucial are welfare and labor reforms. Unemployment is low, but so are salaries, trailing behind Spain and Greece. One reform on which both candidates could agree would be to encourage work by lowering taxes on overtime, as the French are doing. Both candidates also recognize the need to make provisions for workers employed on short-term contracts. Their incomes are too low to live on, and they have no income at all when their contracts run out. Equally urgent is the need to reform public administration. The Italian state costs the taxpayer more than the German state does, but provides considerably less. Berlusconi wants to reduce public expenditure by one point every year. Veltroni would do the same, but wants to wait a year before beginning.
An issue that rankles the electorate is the high salaries and seemingly limitless perks of Italy's political class. Again, only a grand-coalition government would stand a prayer of cutting those perks and salaries. And when it comes to taxes, and it always does, both Veltroni and Berlusconi want them reduced. Berlusconi would like to see the total burden on income taken below 40 percent, down from 44 percent now. Both want to spur tourism by reducing the value-added tax on things like travel-agency bookings. The Prodi government halted or canceled several big public works and infrastructure projects that Berlusconi had begun. He wants to restart them. So does Veltroni. The only major difference is whether to build a bridge across the Strait of Messina between the mainland and Sicily. Berlusconi wants it. Veltroni's core constituents on the island aren't so enthusiastic.

In the town of Caltanissetta, deep in Sicily's hinterland, 75-year-old pensioner Emilio Serra listened to Veltroni's calls to escape the old chaos of multiple parties with a certain bemused wonderment. "It is more an American way of thinking," says Serra. "I don't see why that wouldn't work here, but I don't think the politicians will allow something so sane." If they do not, then Italy's mad decline will only continue-and that would be something to fear indeed.


Fonte: http://www.newsweek.com/id/129616

domenica 30 marzo 2008

Pianeti contro

Riporto fedelmente da una mail inviata per narrare il misfatto.


Ieri pomeriggio, verso le quattro, è balenata l'idea di andare a farsi un giro alla Centrale Montemartini, visto che la Settimana della Cultura sarebbe finita oggi.
Così, usciamo e prendiamo l'autobus per una fermata, giusto il tempo di arrivare sul Lungotevere.
A bordo, due controllori Atac: merda, avevo dimenticato nella borsa dell'università l'abbonamento.
Multa, con possibilità di ricorso in trenta giorni.

Passano appena due minuti.
Vediamo arrivare da sinistra il 23, l'autobus che ci serve.
Corro, come spesso accade, per non perderlo.
Marciapiede, inciampo con la punta delle scarpe.
Riversa a faccia in giù sulla pietra come nulla, in cinque fottutissimi secondi.

Risultato: escoriazioni varie su zigomo e gomito sinistro, palme delle mani, ginocchio destro.
Lividi su zigomo e spalla sinistra.
Gonfiore e dolore fortissimo al ginocchio sinistro.
Ghiaccio sgocciolante sullo zigomo, che promette di farmi somigliare presto alla Ferilli.
Detto fatto, in cinque minuti siamo al pronto soccorso del Santo Spirito.
Dove passiamo oltre tre ore.

Diagnosi: nessun trauma cranico, le lastre non mentono (fra parentesi: ho il cranio più bello che si sia mai visto), stiratura dei legamenti dietro al ginocchio sinistro, ormai gonfio come una zampogna.
Mi hanno fasciato la gamba, e ora sembra che indossi un'autoreggente di garza.
Sono sciancata ma fortunata: visti i trascorsi, potevo rompermela, la gamba.

Scene comiche in sala ortopedica: io un po' stralunata a zoppicare in intimo perchè 'il medico non vede bene come cammino'.

Si tolga la maglietta, si tolga i pantaloni.
Si giri signorina. Gli prendesse un colpo.

Menomale, il calvario durerà 'solo' dieci giorni: il tempo appena sufficiente a costringermi a dare da non frequentante almeno tre esami all'università.
Il ginocchio riprenderà appieno ogni sua funzionalità in due mesi.


Salute.

sabato 29 marzo 2008

Il potere del sesso

Ok, Micaela Ramazzotti ha indubbiamente una bella chitarra.
Tanto da inserirla nella mia recensione di Tutta la vita davanti.
E' anche vero che Google Immagini non aiuta a soddisfare la curiosità di dare una sbirciatina, visto che le suddette rotondità non vengono riportate fra i risultati nemmeno cercando 'Micaela Ramazzotti culo'.

Però, eccccchediavolo: smettete di cliccare sul mio blog solo perchè cito 'lato b'. O.o

Un, due, tre. Rinascita.

Mi sento una macchina da guerra.
Anzi, un carro armato da sfondamento.

Sarà che, più mi trovo nelle difficoltà, più tiro fuori gli artigli.
E agisco.
Si tratta di quei momenti in cui, dimenticandomi della mia proverbiale pigrizia - leggi impossibilità di fare e pensare tutto ciò che vorrei - mi armo di Google e di faccia tosta e invio candidature.
Come hostess, promoter, stagista, tirocinante, facciaditolla qualsiasi.

E' il momento di agire.
E' il momento di dare retta a Goethe, vero guru spirituale: qualunque cosa tu possa fare, o sognare di fare, incominciala. L'audacia ha in sé genio, potere e magia. Incomincia adesso.

venerdì 28 marzo 2008

Momenti storici

Dopo essermi sciroppata ore di trasmissioni sui programmi e i candidati alle prossime politiche
dopo aver letto fiumi di interviste agli interessati
dopo aver confrontato le fonti, gli uomini, le idee
sono giunta ad una decisione epocale.

Voterò per Bertinotti, Sinistra Arcobaleno.

mercoledì 26 marzo 2008

Noi, che abbiamo 'tutta la vita davanti'

Avvertenza al lettore: questa non vuole e non può essere una recensione, nè tanto meno una recensione esaustiva del film.
Mi è costato tantissima fatica anche solo abbozzarla, tanto mi ha riempita di pensieri questo film: tanto da impiegare un giorno intero per scriverla (ho visto il film in anteprima nazionale il 25 marzo, in presenza del regista e della troupe quasi al completo).
Cerca, forse senza successo, di coglierne elementi che mi hanno colpita, ed è suscettibile di modifiche.

Una tempesta di emozioni contrastanti, un'amara consapevolezza del reale: questo è quello che coglie lo spettatore del nuovo film di Paolo Virzì.
Amaro con ottimismo, tragico senza compiacimento - dote rara per i film italiani, vedi Muccino - pervaso da uno spirito tutto virziniano, fanciullesco e sognante, in questo caso impersonato dalla bambina-figliadiragazzamadre del film, innocente e spensierata eppure condannata ad essere trascurata.
Un film prosaico, ma con 'i piedi fortemente poggiati sulle nuvole', direbbe Ennio Flaiano.

In scena, personaggi di spessore, intensi nella loro quotidianità.
La ragazza madre telefonista poi escort con adorabile figlia al seguito, il sindacalista che combatte battaglie perdute in partenza, il rampante 'uomo dei contatti' che paga a caro prezzo l'obbligo di dover essere il numero uno.
E poi lei, Marta (Isabella Ragonese): venticinque anni, siciliana, laureata in Filosofia cum laude eppure naufragata in un call center, dotata di promettente quanto insignficante fidanzato dal futuro lavorativo assicurato - che parte per inseguire il sogno americano - e di madre radiosa quanto malata terminale di cancro.

La sua vita cambierà in seguito al reality check post-laurea.
Passando dai dinosauri accademici e incartapecoriti che si congratulavano con lei per il conferimento della laurea all'esercito di sexy borgatare e di ragazzi in giacca e cravatta che ripongono le loro vane speranze nel proprio lavoro all'azienda Multiple (cugina ideale della Kirby).
Marcati stretti da Claudio (Massimo Ghini), boss divorziato con ex moglie rifattissima e figli, e da Daniela (Sabrina Ferilli), capotelefonista e fomentatrice delle masse a scopo motivazionale.

Giovinezze attaccate alla cornetta, ansiose di arrivare, nonsisabenedove ma tentiamo il tutto per tutto.
Non tutti ce la fanno.

Qualcuna si fa prendere da una crisi di nervi e manda a fanculo la cliente per telefono, qualcun’altra fissa pochi appuntamenti e per questo viene tagliata fuori.
Per gli uomini, ulteriori pressioni e umiliazioni: punizioni pubbliche più vergognose possibili al fine di creare senso di colpa a chi non regge il ritmo.
Per il migliore del mese, un robot da cucina Multiple in regalo come incentivo a fare sempre meglio.

Risate nervose per i sistemi motivazionali, adottati nel film come nella realtà: sms del capo ogni mattina, canzoni e balli al momento di iniziare la giornata di lavoro, che convincano tutti del fatto che hanno il lavoro più bello e appagante del mondo.
Perché ‘noi siamo persone speciali e facciamo un lavoro speciale’.
Cosa vuoi che importi se guadagnamo 400 euro al mese e vendiamo un prodotto spazzatura.
Dettagli.

Sullo sfondo, la cultura televisivocentrica dei nostri tempi: il Grande Fratello edizione 2007 a fare da insulso sottofondo alle scene più significative.
Onnipresente nei discorsi, nelle televisioni accese, negli interessi dell'universo di Virzì.

Qua e là, note delicate – la bambina che ‘sceglie’ Marta come babysitter sulla metro, la vecchina alla quale telefona Marta durante il turno di lavoro – che portano il film su un livello superiore, che trascende il semplice piangersi addosso, vizio del quale il nostro cinema sembra incapace di liberarsi.

Da segnalare: l'esordiente Isabella Ragonese, perfetta nel ruolo della Jane Doe nella quale qualsiasi sua coetanea può identificarsi;
la neo-mattatrice Sabrina Ferilli, perfettamente a suo agio nel ruolo della fragile, perfida e attillatissima responsabile delle telefoniste;
la performance isterica del lanciatissimo Elio Germano a bordo della sua auto;

il nudo di Micaela Ramazzotti, con un lato B da copertina (è proprio il caso di dire: tutta la vita davanti, tutto il successo di dietro).

Un bel film, che sviluppa in modo intelligente gli spunti offerti dal libro Il mondo deve sapere di Michela Murgia.
Italiano in tutto e per tutto, quindi con retrogusto amaro: si ride e si piange.
Verdone docet.

martedì 25 marzo 2008

Inutilità - Wish list immaginaria

Quando si è giù di morale e si è un pochino vanitose, non c'è niente di meglio, a parte fare il pieno di coccole, che fare shopping (o sognare di farlo).
Specialmente quando ci si imbatte in primizie come quelle di La Perla.

Donnafatalemaraffinata:
Reggiseno
Perizoma a gonnellino

Santarellinasoloinapparenza:
Parigina

Donnadiclasseinnegligee:
Reggiseno
Coulotte
Perizoma

Sirenabondgirl:
Bikini

Venereintechnicolor:
Bikini

Nuotatricefuoriedentrol'acqua:
Bikini
Vestito
Top

Ammontare complessivo dello shopping immaginario: 1246,85 euro.

Cercasi ammiratore segreto senza secondi fini benestante e disposto a regalarmi queste meraviglie.
Offresi, in cambio, infinita riconoscenza. :D

lunedì 24 marzo 2008

La politica di oggi

A scrivere alla posta di Michele Serra sul Venerdì di Repubblica del 21 marzo 2008 è una ventunenne come me.

Che riesce con efficacia, semplicità e passione a riassumere il mio - il nostro - sentimento verso la politica italiana.
Di sfiducia, ma di speranza nella democrazia.

Dedico questa lettera a chi crede ancora nel diritto di voto, unico potere reale nelle mani del cittadino.

Non spegniamoci.

Ciò che non uccide, fortifica

Come dice Laura.
Mai detto popolare fu più condivisibile.
Sulle rovine si può solo piangere e, dopo tante lacrime versate inutilmente, edificare nuovi edifici, nuove torri, nuove storie.

L'urgenza del momento è concentrarsi sul futuro, e su ciò che lo rende possibile.
Sullo studio, l'amore, i rapporti con le poche persone davvero importanti.

Perchè sono le persone a fare i luoghi.
Siano essi i viali di Roma al tramonto, case di amici, case di genitori, case di estranei.
Ho vicino più persone di quante mi fosse dato sperare.
Col cuore, ma mi sono vicine.

Voglio crescere sempre di più, invecchiare con grazia, accrescere le mie conoscenze, crearmi basi materialmente solide.
Ho un'energia, una forza e una caparbietà che il resto del mondo si sogna.
Al momento, sono un po' malconcia, ma mi rimetterò presto.
Gli unici rimedi possibili sono la capacità di sognare malgrado tutto e la capacità di creare.
E io le posseggo entrambe.

domenica 23 marzo 2008

I miei sedici anni



Luglio 2002: in questa foto ero prossima ai sedici anni.
Ero all'inizio del mio sviluppo fisico, e all'inizio di un faticoso percorso di apertura verso l'esterno: gli altri iniziavano a non essere più un'incognita, per me.
Qui mi trovavo sul traghetto per la Maddalena, in Sardegna.
Avevo il viso tondo, la tintarella appena accennata, l'espressione felice, il corpo pieno: tutto il contrario di oggi, che mi sento come un recipiente traboccato, ormai vuoto.

Ero bella, anche se ancora non conoscevo le gioie della pinzetta per le sopracciglia e del fondotinta.
Ero naturale, come chi nel fiore della sua crescita mostra al mondo i suoi primi boccioli.
Ero fresca, inesperta, tutto sommato piuttosto smaliziata, come chi si porge agli altri senza secondi fini.
Non avevo mai avuto una vera storia d'amore, nemmeno uno di quei flirt che d'estate vanno per la maggiore.

Mi avevano baciata per la prima volta qualche anno prima. Era inverno.
Un ragazzo per strada, la sera, l'alito che sapeva di sigaretta.
Mi aveva profanata senza che avessi avuto il tempo di dire no, l'avevo lasciato fare sebbene non l'avessi mai visto prima in vita mia.
Di quell'episodio, me ne sono pentita e me ne pentirò per tutta la vita.

Dopo una pre-adolescenza passata in esilio volontario, fra letture e pochi amici, eccomi arrivare ai sedici. Di colpo, senza preavviso.
Gli anni del mio stato di grazia, del mio dischiudermi.
Del bozzolo, come dimostra questo blog, mi sono liberata realmente solo da poco tempo, ma già allora mostravo di volerne e di poterne uscire.

Quella fatidica estate del 2002, sarei andata in vacanza anche a Leonessa, in provincia di Rieti: e pensare che non volevo nemmeno partire.
Eppure, quelle due settimane hanno dato il là al mio cambiamento.
Ero in villeggiatura in un bell'albergo in montagna con mia zia e mia nonna, non esattamente le compagnie migliori per costruirsi una propria giovinezza, sulla carta: ahi, quanto può essere sbagliato rifiutare a priori un'esperienza.

Ho passato quelle due settimane ad interagire senza sosta con tutti gli ospiti dell'albergo, incluso il personale: ero la mascotte d'onore dei camerieri e degli animatori turistici, che in modo particolare devo ringraziare in larga parte per la mia metamorfosi (all'epoca, loro avevano i vent'anni che ho io oggi).
Passavo i giorni fra balli di gruppo sfrenati - da quest'esperienza è nato il mio amore viscerale per i balli latino-americani, inimmaginabile quando ero ancora prigioniera del mio guscio - brevi allenamenti in palestra, qualche escursione in paese e in montagna, pochissima piscina.

Ero un vulcano, e tutte le sere le passavo a ballare, aiutando il team di animatori.
Mi ero fatta bellissima: snella, atletica e scattante come non mai.
Mi contendevano per le feste a Ferragosto: ricevevo proposte allettanti sia dal team degli indiani sia da quello dei tahitiani, e alla fine optai per quest'ultimo.
Alla sfilata finale delle Ferragostiadi, così si chiamavano le feste in onore di Ferragosto, avevo le gambe tornite, fiori di carta fra i capelli sciolti, abbronzatura dorata e parei avvitati in vita e sul seno.
Ed ero felice.

Ora, solo per un attimo, vorrei rivivere quei momenti.
Quel caldo opprimente, quei piedi nudi, quei capelli ondulati, quella magica sicurezza in me stessa che rapiva tutti, quelle risate, quell'alone di grazia che mi circondava da capo a piedi.

Datemi un po' di calore, e sboccerò di nuovo.

Nuovomondo

A volte cerco di considerare la mia, la nostra, situazione con gli occhi della mia gatta.
Spalancati, verdeuva, perennemente sbalorditi.
Nelle ultime tre settimane, Miss Celina* è stata costretta suo malgrado ad emigrare, chiappotte pelose incluse, in tre residenze diverse: la camera da letto di un'amica di sua nonna - mia madre - seguita a ruota dalla camera da letto di suo padre - il mio ragazzo - e, dulcis in fundo, dalla dimora del nonno che fino a due giorni fa non aveva mai conosciuto (mio padre).

Dev'essere dura.
Più che, per un umano, distaccarsi fisicamente ed emotivamente dai propri innumerevoli oggetti, facendo una cernita dell'indispensabile, e del superfluo ridotto all'osso.
Più che infilare a fatica il proprio cuore e il proprio senso di perdita in due trolley pieni fino a scoppiare.
Più che chiudersi alle spalle una porta che una volta ci apparteneva e poco dopo ci è estranea.

Un animale non ha colpa. Mai.
E' faticoso per lui adattarsi, più che per i suoi compagni umani, ed è doloroso essere costretto ad andarsene da un luogo non appena si è acclimatato a sufficienza.
Ma, nella necessità, lo spaesamento di due occhioni felini si deve mettere da parte.
E una volta che si è emigrati altrove per l'ennesima volta - essendo gatti, non rondini a primavera - resta solo nascondersi in ogni cantuccio disponibile per almeno un giorno.

Annusare l'aria, soppesare l'ambiente, valutare con aria sospettosa i coinquilini, anche quelli che si è imparato a conoscere in anni di convivenza (nella fattispecie, la sottoscritta).
Poi, timidamente, aprirsi al nuovo ambiente, strofinarsi contro gli spigoli, i vestiti, i mobili a portata di guancia e di pelliccia.

E, di colpo, il miracolo: in soli due giorni, quella stessa gatta ricomincia a sorridere, a fare le fusa, a saltare sul divano accanto a te, ad accoccolarsi su un letto a due piazze con nonchalance.

E' il miracolo dell'innocenza, dello spirito d'adattamento degli animali.
E' il miracolo dei gatti, insostituibili compagni di viaggio e di vita.


* per i lettori non abituè, o per gli osservatori disattenti, è la mia micia (vedi colonna a sinistra, 'PP come Passione prociona')

La Pasqua arrivata troppo presto

Quando sei troppo indaffarato con la tua vita, le festività arrivano in punta di piedi, e, quando meno te ne accorgi, sei cinto d'assalto da muraglie di costosissime uova di Pasqua in stagnola dorata, di tutte le forme e le dimensioni.
Le sorprese, quasi sempre, deludenti.

All'interno di un uovo trecentogrammi 85% cacao, tanto puro quanto amaro, un tappo trattienigoccia utile in molte situazioni (toh, l'ennesima sorpresa della quale non si poteva fare a meno).
Sempre meglio delle minipiste d'automobile in plastica delle uova Kinder, comunque.

Come ogni anno, la Pasqua si riconferma senza eccezioni come la festa più soporifera dell'anno. Quest'anno, per di più, anche irrorata da abbondanti pioggie.

Pasqua bagnata, Pasqua fortunata?
Che sia la volta buona.

sabato 22 marzo 2008

Primavera, where are u?

Se ci sei, batti un colpo.

venerdì 21 marzo 2008

Le cose

Molte persone, quando rivolgi loro la fatidica domanda 'Come passa e ha passato la sua vita fino ad oggi?', dovrebbero rispondere 'L'ho passata accumulando oggetti, perlopiù inutili, nell'assurda convinzione che migliorassero la mia esistenza, e ho finito per edificare la mia storia personale su un mucchio di detriti'.

Ecco, questo è il senso delle nostre vite: un mucchio d'immondizia.
Immondizia della quale, un tempo, non potevamo fare a meno.
Rifiuti che abbiamo accumulato meticolosamente, simili a formiche, per decenni.
Se siamo stati fortunati, li abbiamo accumulati soprattutto in un luogo, che amiamo chiamare casa, nel quale avevamo la possibilità di dimenticarci di quanto accumulato e di tenerci vicino il passato, i ricordi, le inutilità di una vita intera.

Se siamo stati sfortunati - e io ne so qualcosa - abbiamo accumulato le nostre masserizie in un luogo x fino ad un tot di anni; dopodichè, per cause di forza maggiore, siamo stati costretti a distaccarci da una parte consistente di quegli oggetti e a riguardare in faccia, in nome di un addio ad una parte della nostra vita, il passato.
Il passato delle riviste femminili che custodivamo gelosamente nelle nostre librerie.
Il passato della carta sprecata in disegni privi di senso.
Il passato dei muri della nostra cameretta, sui quali, da bambini, avevamo sfogato il nostro estro creativo scarabocchiando una balena, un grosso pesce o chissàcosa.
Il passato dell'enorme armadio in radica che tanti anni prima nascondeva ai nostri occhi i regali di Babbo Natale, gli abiti della mamma e del papà, arcani mai svelati.
Il passato della piccola cucina angusta, ormai lurida e logora perchè inutilizzata.

La nostra storia è quantificabile in quintali, quando non in tonnellate, di immondizia accumulata.
Un Everest di carta e detriti vari che rischia di sopraffarci tutti.
I giornali e i libri letti, gli annunci sui quotidiani cerchiati di rosso, i fogli di carta sprecati in barba al disboscamento delle foreste, al buco nell'ozono.
Per non parlare dei mobili, pesanti macigni che ci schiacciano a terra, sotto il peso della quotidianità.

Siamo animali materiali, bestie da soma che soffrono in larga parte per il doversi trascinare dietro la propria storia fatta di oggetti.
E il distacco dalla materialità, quanto pesa.

Vomiti di parole

Quello che segue sono perlopiù pensieri sconnessi, parole in libertà, riflessioni concepite nell'ovattato mondo dello chalet polacco in mezzo alla neve, sospeso nel nulla.
Prendeteli per quello che sono: pensieri a raffica di una ventunenne sull'orlo del baratro, ma ancora incerta sul futuro, sul da farsi.

L'aggettivo che ricorre più spesso quando si parla di me è 'strana'.
'Strano' è il mio colore d'occhi, strano è il mio spiccatissimo movimento di bacino.
Attenzione: non sexy, non provocante, 'strano'.
Strani sono i miei jeans a vita troppo alta, perchè è tradizione mostrare abbondanti porzioni di culo e mutande.
Strano è il mio modo di ridere, mai uguale a sè stesso.
Strani i capelli arruffati, da monella.
Strano il mio modo di parlare adeguandomi, di volta in volta, al mio interlocutore.

A volte, credo di essere talmente esagerata in alcuni miei aspetti e atteggiamenti da risultare quasi caricaturale, e questo mi fa soffrire.
Ho sempre pensato, e continuo a farlo, che non esista nessuno in grado di captare appieno ciò che emano, tranne forse il mio ragazzo e mia madre.
Le persone che ho più care al mondo recepiscono molto, anche se non tutto, del mio senso più profondo.
Gli altri si aggrappano a credenze comuni, pregiudizi in negativo e in positivo, ipotesi sbagliate in partenza o intuizioni apparentemente fulminanti, dispensando raramente ottimi consigli.
Tutti, tendenzialmente, agiscono come se cercassero di farmi cambiare rotta, di farmi deviare da un percorso che ho imboccato a testa alta e senza ripensamenti, come fanno le persone adulte.

Sono forte, ho i miei carichi e credo di (sop)portarli con dignità.
A volte, lungo il cammino, non disdegno di farmi carico dei pesi altrui, ma non mi aspetto mai gratitudine in cambio.

Ho i capelli corti e non li uso per sedurre.
Sono una guerriera, una moderna amazzone che nasconde la paura dietro la sfrontatezza della giovinezza e dell'impulsività.
Non fumo, non bevo birra e non mi drogo.
Preferisco la solitudine alle compagnie insignificanti, che 'fanno rumore'.
Mi curo - o meglio, mi curavo - ma in maniera moderata, onesta, irrilevante.
Mi preoccupo di non mettere in difficoltà chi ho di fronte.

Sono, per usare un'espressione mai usata prima, molto strana.
Amatemi così come sono, tanto non cambierò.

giovedì 20 marzo 2008

Silenzio stampa

Vorrei dire tante, troppe cose.
Raccontarvi di come, mentre ero in Polonia, ho perso la mia stabilità materiale.
Di come ho annegato i pensieri negativi in shot di vodka, balli sfrenati e lividi violacei sulle gambe.
Di come sono crollata al mio ritorno in Italia. Psicologicamente e fisicamente.
Di come il silenzio caduto su questo blog sia più eloquente di mille parole.

Perchè ho deciso di trasformare la mia rabbia, il mio dolore, la mia delusione in energia creativa, come faccio sempre.
Perchè ho deciso di scrivere un libro su queste ultime due settimane di tormenti, assenza di prospettive, cul-de-sac fisici e mentali.

A questo seguiranno molti vomiti di parole.
Incomprensibili, forse, ma veri.

Tollerate con pazienza e, se possibile, compatitemi in senso latino.

Grazie.

venerdì 7 marzo 2008

Please, speak in english!

La Polonia, what a beautiful country.
Stalattiti di ghiaccio pendenti dalle grondaie, gente che parla una lingua incomprensibile eppure familiare - simile al russo - ragazzi stranieri e chiassosi per i corridoi di un confortevolissimo chalet in legno.
Polacchi, slovacchi, ungheresi, bulgari e italiani: una sola lingua per capirsi, because they speak any different languages, in un continuo language switch a cavallo fra inglese e rispettive lingue materne.

A partire, naturalmente dalle parolacce: cosi' 'puttana' diventa 'curva' e cosi' via.
Che maschilisti, 'sti polacchi.

Dobre vecie a tutti!